Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

I Ricettari Regionali Italiani

Le cucine delle cento città d'Italia

L’Italia delle mille cucine

Un nucleo davvero ponderoso e particolarmente significativo della Biblioteca Gastronomica di Academia Barilla è dedicato alle cucine regionali italiane. L’Italia dei cento campanili e dei tanti stati, che hanno visto il processo di unificazione nazionale concludersi solo nella seconda metà dell’Ottocento, ha dato vita, grazie alla presenza di numerose Corti, a una ricca gastronomia senza precedenti e davvero unica nel panorama mondiale.

La buona vera cucina italianaA questa ricchezza ha contribuito anche la particolare configurazione geografica del nostro Paese, che alterna mare, monti e pianure, favorendo una diversità di prodotti e di tradizioni davvero notevole.

Così la Classe “3” - tre - della Biblioteca gastronomica presenta i ricettari di regioni, province e territori, dapprima nelle pubblicazioni di carattere generale, dedicate all’intero territorio e quindi nelle monografie specifiche.

 

Le grandi opere

The fine art of Italian CookingFra le opere generali, non di rado pubblicazioni di grande respiro e in più volumi, spiccano i numerosi testi dedicati alla cucina regionale da Luigi Veronelli (1926-2004), indimenticato gastronomo e raffinato conoscitore delle bontà del nostro Paese, i testi in lingua inglese di Giuliano Bugialli, innamorato della cucina italiana e suo paladino negli Stati Uniti, autore di otto importanti pubblicazioni e la fondamentale raccolta del Ricettario nazionale della cucina regionale italiana edita dall’Accademia Italiana della Cucina, in 52 quaderni, benemerita azione di recupero e salvaguardia dell’identità gastronomica nazionale.

 

Preziose monografie per un viaggio gastronomico lungo la penisola

L'inventore della Bagna CaodaLe monografie scorrono, con migliaia di titoli, le cucine di ogni regione, città o paese, da L’Inventore della Bagna Caoda (piccola storia della gastronomia del Piemonte dall’età della pietra ai giorni nostri) ai Sapori di Langa in Piemonte. Fondamentali, per conoscere la cucina lombarda Vecchia Milano in cucina, di Ottorina Perna Bozzi e La cucina milanese di Marco Guarnaschelli Gotti.

A Massimo Alberini spetta il compito di presentare l’Antica cucina veneziana, mentre le edizioni Terra Ferma hanno dato vita ad una intelligente collana di valorizzazione dei prodotti tipici della regione. Maria Stelvio descrive con passione la Cucina triestina e non manca neppure Vecchia e nuova cucina in Carnia.

È Alessandro Molinari Pradelli, autorevole e prolifico scrittore gastronomo, a studiare La cucina bolognese e La cucina dell’Emilia Romagna mentre a Parma, capitale della Food Valley, spetta il primato di oltre 120 pubblicazioni di gastronomia locale.

 

Pesto e BuriddaPesto e Buridda ci introduce ai piaceri della cucina ligure, mentre Paolo Petroni apre per noi il Grande libro della cucina Toscana e Giovanni Righi Parenti delinea una continuità di tradizioni gastronomiche ne La cucina degli Etruschi. Significative anche le pubblicazioni sulla cucina dell’Isola d’Elba e sulla Maremma, vere oasi gastronomiche della Toscana.

 

 

 

 

A napoli si mangia cosìAdele Rondini raccoglie in S’l’arola: cent’ann d’m’nestr e pèn... (con centinaia di ricette gastronomiche in endecasillabi sciolti in dialetto metaurense con traduzione italiana a fronte, curiosità e note di costume, lingua, storia, folklore e tradizioni popolari dell’entroterra pesarese) le ricette tradizionali delle Marche e, dopo la ricca cucina romanesca, Napoli eccelle con oltre 30 pubblicazioni fra cui non si possono dimenticare la Cucina napoletana di Jeanne Carola Francesconi, l’intramontabile A Napoli si mangia così di Vittorio Gleijeses ed il raffinato Cucina aristocratica napoletana.

 

 

Profumi di SiciliaLa saporosa cucina pugliese, dal Salento al Gargano, è ampiamente esplorata dalle numerose pubblicazioni di Antonio Foscarini mentre Giuseppe Coria diffonde, ne I profumi di Sicilia l’amore per la cucina della sua isola. Ma anche la Sardegna (con le ricerche di Maria Falchi Fiori) e le isole ioniche (I sapori del vento. Cucina eoliana: storie, profumi e ricette afrodisiache delle isole Eolie) sono rappresentate nella Biblioteca Gastronomica di Academia Barilla, che raccoglie pregevoli edizioni locali, di difficile reperibilità e di diffusione spesso solo locale, anche se frutto del lavoro appassionato di eccellenti autori.

 

I Quaderni dell'Accademia Italiana di CucinaLa Classe “3” si presenta, così, come un vero e proprio tesoro, strumento formidabile di valorizzazione di prodotti e tradizioni locali, offerto ai frequentatori di Academia Barilla per scoprire le feconde radici della cucina italiana.