Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

La vera cucina casalinga sana, economica e delicata.

Biblioteca gastronomica di Academia Barilla

Testi antichi di gastronomia italiana
Biblioteca digitale

La vera cucina casalinga sana, economica e delicata.
Autore: CHAPUSOT Francesco (1799-1851 post)
Titolo: La vera cucina casalinga sana, economica e delicata.
Lingua: Italiano
Luogo di edizione: Torino
Editore: Tip. Eredi Botta
Tipografo: Tip. Eredi Botta
Data di edizione: 1851
Edizione: -
Edizioni conosciute: Torino, Eredi Botta, 1851; Trino, L. Conterno, 1855
Formato: In 8
Paginazione: [2], 616
Categoria: Ricettari
Soggetti: Cucina: utensili; Economia domestica; Ricette; sorbetti
Note: Ritratto dell’Autore in antiporta. Doppio frontespizio, di cui il primo incorniciato da fregio tipografico con vignetta. Avvisi essenziali. Sommario e indice alfabetico generale in fine.
Francesco Chapusot, o meglio François Chapusot, nasce a Plombières-les-Dijon, in Francia, il 15 Termidoro dell’anno VII (2 agosto 1799) da François e Catherine Renée Gauthier. Si trasferisce a Torino dove diviene capocuoco di Ralph D’Abercromby, ambasciatore inglese presso la Corte dei Savoia a Torino tra il 1841 ed il 1851. Sposato con Maria Catterina Viglietto e rimasto vedovo, si risposa il 28 settembre 1835 con Maria Margarita Dematteis, da cui ha almeno un figlio, Vittorio, nato a Torino il 2 aprile 1849 e risiede, con la famiglia, nella Parrocchia del Duomo, in Contrada del Gallo, porta 12, secondo piano. Muore probabilmente a Torino dopo il 1851, ultima data in cui si hanno riscontri della sua attività.
È autore di La cucina sana, economica ed elegante, pubblicata a Torino in quattro fascicoli separati, per ognuna delle stagioni dell’anno, a partire dall’Inverno, di circa 150 pagine ciascuno, presso l’editore Francesco Favale nel 1846. Ogni fascicolo è corredato in fine da una litografia che illustra le preparazioni più coreografiche e suggestive. Polemizzando con gli eccessi della cucina francese, Chapusot ribadisce il valore della semplicità in cucina, essenziale per esaltare “il profumo e le buone qualità nutritive” degli alimenti, e dell’igiene e di una adeguata attrezzatura. Chapusot pubblica poi, nel 1851, nello stesso stile, La vera cucina casalinga sana, economica e delicata, rifacimento senza originalità del suo primo lavoro.