Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Lenticchia di Castelluccio di Norcia IGP

La lenticchia è una pianticella annuale appartenente alla famiglia Ervum Lens Leguminose.

La storia

La lenticchia è una pianticella annuale appartenente alla famiglia Ervum Lens Leguminose, di altezza variabile fra i 20 ed i 40 centimetri, che cresce in climi temperati e di cui si consumano i semi, piccoli e tondeggianti. Originaria dell'Asia Minore, è una delle piante alimentari note all'umanità sin dai tempi più remoti: ricordata anche nella Bibbia, è stata ritrovata in tombe neolitiche databili al 3000 a.C. e in diverse sepolture dell'antico Egitto, oltre ad essere protagonista di alcune ricette del cuoco romano Apicio. Molto ricca di vitamine, proteine e sali minerali possiede un elevato valore nutritivo.

Numerose sono le varietà esistenti. Quella coltivata sull'altipiano di Castelluccio di Norcia, ad un'altitudine di circa 1400 metri s.l.m., all'interno del parco dei Monti Sibillini, fra le regioni Marche e Umbria, presenta semi di forma tondeggiante ed appiattita, piccoli e dall'aspetto tigrato, caratterizzati dal gusto unico, e dal colore molto variegato, che va dal verde screziato al giallognolo al marroncino chiaro.

In primavera inizia la stagione della semina e dopo lo sviluppo, fra luglio e agosto, le piante vengono tagliate ed essiccate per consentire la raccolta dei semi.
La lenticchia di Castelluccio è diversa dalle altre varietà in commercio: favorita da un clima e da un terreno particolarmente adatti, presenta buccia sottile e tenera e consistenza pastosa, così che non richiedono ammollo prima della cottura e permettono di adattarsi ai più diversi impieghi culinari, dalle zuppe, alle minestre, alle insalate. È ottima condita con olio extravergine di oliva o stufata in accompagnamento a salsicce e carni di maiale, come è tradizione benaugurante del cenone di Capodanno.

La coltivazione di questo legume è affidata ad una cooperativa di produttori e grazie al lavoro di tutela e promozione, ha ottenuto nel 1997 il riconoscimento dell'IGP - Indicazione Geografica Protetta.

In biblioteca
Farro e lenticchia, Perugia, Provincia di Perugia, Camera di Commercio di Perugia, 1994.
D. PAOLINI, Cibogavando. Gli itinerari per scoprire i tesori golosi italiani, Bologna, Edagricole, 2003.
L. VERRINI - M. ROSATI, a cura di, Atlante Qualivita. I prodotti agroalimentari italiani DOP, IGP, STG, Milano, Edizioni del Gusto, 2009.