Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Chiesa di San Giovanni Evangelista

La chiesa di San Giovanni Evangelista sorge dietro l'abside del Duomo. L'edificio rinascimentale, costruito tra il 1498 ed il 1510 per l'ordine benedettino, presenta una facciata barocca realizzata nel 1607, sovrastata dal coevo campanile, che è il più alto della città. All'interno, dalle studiate proporzioni, si può ammirare l'altra famosa cupola, la prima affrescata dal Correggio fra il 1520 ed il 1521, unitamente ai pennacchi ed al fregio monòcromo, che rappresenta la visone di San Giovanni a Patmos, col Cristo che scende in gloria tra gli Apostoli.

Pure del Correggio è la lunetta, nel transetto Nord, con il giovane San Giovanni e l'Aquila. Si ammirano anche gli affreschi del Parmigianino nei sottarchi delle prime due cappelle. Da visitare la sagrestia con l'imponente armadio delle reliquie, gli splendidi chiostri rinascimentali del convento, il refettorio grande con il prezioso aquamanile recentemente ricollocato, la biblioteca monastica, interamente decorata da carte geografiche dipinte e da raffigurazioni allegoriche e l'antica spezieria benedettina, affascinante farmacia, attiva ininterrottamente dal 1201 alla fine dell'Ottocento, impreziosita dagli splendidi scaffali seicenteschi intarsiati, dal ricco apparato di ricettari medici, mortai, vasi ed attrezzi, dal suggestivo laboratorio galenico e dalle raffigurazioni dei più illustri maestri parmensi della medicina e della farmacopea.

Percorrendo il lato orientale del Duomo e della piazza, si può seguire il caratteristico vicolo del Medioevo che consente la visione in scorcio della Torre di Cadalo, oggi inglobata nel complesso del Palazzo Vescovile e così raggiungere il vasto complesso del monastero di San Paolo. A fianco della facciata della chiesa di San Lodovico – già cappella ducale – si apre il sacello del XII secolo alla base dell'antico campanile, affascinante ingresso alla Pinacoteca Stuard.