Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Parco Ducale e Palazzo del Giardino

Al di là del Ponte Verdi su Torrente Parma, si apre il Parco Ducale e in esso si trova il Palazzo del Giardino. Il Parco, acquistato da Ottavio Farnese nella seconda metà del Cinquecento, fu ampliato da Ranuccio II che nel 1690 lo arricchì di un laghetto al cui centro si erge un'isoletta che ospita la scenografica Fontana della Parma, detta Trianon, proveniente dal Palazzo Ducale di Colorno.

Trasformato “alla francese” nel XVIII secolo dai nuovi duchi Borbone su progetti del famoso giardiniere francese Contant d'Ivry e dell'architetto di Corte Petitot, venne adornato di un tempietto d'Arcadia per gli incontri della società colta di Parma e di gruppi scultorei, statue ed anfore in marmo dello scultore Jean Baptiste Boudard.

Il Palazzo del Giardino, costruito tra il 1561 ed il 1564 su progetto del Vignola, fu ampliato nella seconda metà del Settecento su progetto del Petitot. Conserva nelle sue sale affreschi di Agostino Carracci, del Bertoja, del Tiarini, del Malosso, del Cignani.