Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Pinzimonio

  • 15 ′
  • Bassa
  • Contorni
Un classico della gastronomia italiana per assaporare in tutta la loro bontà le verdure più tipiche della dieta mediterranea.

Ingredienti: Per 4 persone

  • 1 cetriolo
  • 1 finocchio
  • 8 rapanelli
  • 2 carote
  • 2 Coste di sedano
  • 1 peperone rosso
  • 2 indivie
  • Olio Extra Vergine d'Oliva q.b.
  • Aceto Balsamico di Modena q.b.
  • Sale marino integrale con scorze di arancia rossa fresca q.b.

Preparazione:

Lavate, pulite e tagliate le verdure a seconda del tipo.

Carote, sedano, cetriolo e peperoni andranno tagliate a bastoncino, mente il finocchio e l’indivia a spicchi.

Rimuovete radice e foglie dai ravanelli avendo cura, di lasciare una parte del gambo delle seconde che ci servirà per prendere i ravanelli con le dita.

Preparate quindi la vinaigrette: in un contenitore versate 1 cucchiaio d’aceto balsamico per ogni persona, aggiungete un pizzico di sale e mescolate bene con una forchetta.

Aggiungete quindi 3 o 4 cucchiai d ’olio per ogni cucchiaio d’aceto e mescolate ancora con la forchetta.

Versate la vinaigrette in piccole ciotoline da servire a ciascun commensale per immergervi la verdura prima di mangiarla.

Storie nel piatto

Con il termine “pinzimonio” s’indica la tipica usanza italiana d’intingere delle verdure crude di stagione in una salsina a base d’olio.
Le verdure, al pari della frutta, sono d’altronde da sempre presenti nell’alimentazione degli esseri umani che se ne cibavano già nella preistoria. Erano presenti in grandi quantità in tutte le diete delle grandi culture antiche mediterranee e in particolare in quella romana, dove un’alimentazione frugale e vegetariana era considerata prerogativa dei cittadini più virtuosi.
Nel corso del Medioevo i vegetali furono considerati un cibo umile e inadatto ai ceti più alti in quasi tutta l’Europa ad eccezione che nelle corti italiani dove le antiche tradizioni romane lasciarono il segno tanto che sulle tavole nobiliari compariva di frequente ogni tipo di prodotto degli orti.
Ed è proprio al periodo rinascimentale che è possibile far risalire la nascita del pinzimonio: al tempo, infatti, la verdura cruda era utilizzata per decorare le portate più sontuose e veniva consumata intingendola nei sughi delle portate.

Altre ricette consigliate