Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Bucatini al pecorino e pomodori

  • 45 ′
  • Bassa
  • Primi piatti
Pecorino e pomodori donano a questa ricetta di pasta tutto il gusto dell’autentica tradizione gastronomica italiana.

Ingredienti: Per 4 persone

  • 400 g di bucatini
  • 350 g di pomodoro sammarzano
  • un Cucchiaio di prezzemolo tritato
  • 1 cipolla
  • 4 Foglie di basilico
  • uno Spicchio d'aglio
  • 80 g di Pecorino a lamelle
  • 5 cl d'Olio Extra Vergine d'Oliva
  • sale e pepe q.b.

Preparazione:

Tritate il basilico, la cipolla, l'aglio. Mettete una casseruola a fuoco medio. Aggiungete l'olio, il trito di basilico, cipolla ed aglio ed infine aggiungete anche il prezzemolo tritato.

Tagliate i pomodori per il lungo a spicchi, schiacciateli con i rebbi di una forchetta e uniteli al soffritto. Salate e cucinare per 15 minuti.

Cuocete in acqua bollente e salata la pasta, scolatela al dente. Condite con la salsa precedentemente preparata e una macinata di pepe.

Mettete la pasta in una pirofila, aggiungere un goccio d’acqua di cottura, coprite con le lamelle di pecorino e infornate. Fate cuocere in forno a 180°C per 10 minuti. Tolti dal forno, porzionateli e serviteli.

Storie nel piatto

I pomodori sono probabilmente uno degli alimenti più caratteristici della cultura gastronomica italiana.
Nell’immaginario comune, infatti, è impossibile scindere il tipico piatto di pasta o la pizza napoletana dalla salsa al pomodoro.

Proprio per questo, il fatto che questi rossi e sugosi ortaggi abbiano preso piede nelle abitudini alimentari degli italiani solo da un paio di secoli è ancora più straordinario.

Quando le prime piante di pomodoro vennero introdotte in Europa da Cortés nel XVI secolo, infatti, queste vennero utilizzate per diversi anni unicamente a scopo decorativo e, in Italia in particolare, era diffusa l’idea che i pomodori fossero estremamente velenosi.
A causa di questo luogo comune passò diverso tempo prima che nel XVII secolo, in seguito ad una carestia, gli appartenenti ad i ceti più poveri della popolazione si convincessero a provare a cuocere i pomodori nei modi più tradizionali: dapprima friggendoli nell’olio, come era usanza fare con le altre verdure, e in un secondo momento riducendoli in salsa.

Altre ricette consigliate