Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Mousse di carote

  • 45 ′
  • Bassa
  • Antipasti
Soffice e delicata, un’originale mousse salata che delizierà i palati più raffinati.

Ingredienti: Per 4 persone

  • 700 g di carote
  • 2 uova
  • 2 fogli di gelatina
  • 3 dl di panna da cucina
  • 2 oz di burro
  • sale e pepe

Preparazione:

Pulite, sbucciate e grattugiate le carote.

In una pentola fate sciogliere il burro a fuoco basso, unitevi le carote, aggiungete mezzo bicchiere di acqua tiepida e portate a bollore, quindi fate cuocere per 15-20 minuti.

Una volta pronto, lasciate raffreddare il composto e aggiungetevi i tuorli d'uovo e la gelatina precedentemente ammorbidita in acqua fredda e poi strizzata.

Con una frusta montate gli albumi a neve ferma con un pizzico di sale e, a parte, montate anche la panna. Incorporate la panna e gli albumi al composto, mescolando con delicatezza il tutto e regolando di sale e pepe.

Inumidite quattro stampini, versatevi il composto in modo da riempirli e livellatene la superficie con una spatola da cucina o un cucchiaio di legno.

Ponete in frigo a raffreddare per 2 o 3 ore, quindi servite fredda.

Storie nel piatto

Nonostante le carote siano oggi uno degli ingredienti più comuni per le insalate e siano identificate con il colore arancione, al tempo degli Antichi Romani erano apprezzate per doti ben diverse ed erano solitamente bianche o viola.
A quei tempi, infatti, queste erano caratterizzate da un sapore acre e da una consistenza piuttosto dura e, proprio per questo, non erano impiegate in campo gastronomico, bensì in quello farmaceutico, tanto da essere utilizzate per cicatrizzare le ferite, per curare il mal di gola e, secondo Plinio, persino come ingrediente per i filtri amorosi. Fu soltanto sul finire del Medioevo, in seguito ad un’accurata selezione delle varietà più dolci e tenere, che questi ortaggi iniziarono gradualmente ad essere impiegati in cucina. Ma ancora ai tempi di Giacomo I, nel XVI secolo, sembra che in Inghilterra le carote fossero apprezzate più per le capacità ornamentali dei loro fiori che per il loro sapore, mentre in Italia pare si siano diffuse a livello alimentare addirittura nel XVIII secolo. E proprio in quel periodo si iniziò a diffondere in Europa una varietà di carote di color arancione che erano state selezionate da alcuni agronomi olandesi avevano così coluto rendere omaggio alla dinastia regnante degli Orange.

Altre ricette consigliate