Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Piatto misto "grande estate"

  • 1 h
  • Bassa
  • Antipasti
Un colorato e originale piatto di verdure tipicamente estivo, guarnito con una salsina vellutata e penetrante.

Ingredienti: Per 8 persone

  • 400 g di patate novelle
  • 300 g di peperoni
  • 5 zucchini con il fiore
  • 1 uovo
  • prezzemolo q.b.
  • un Cucchiaino di senape
  • 3 cl d'aceto
  • 15 cl d'Olio Extra Vergine d'Oliva
  • sale q.b.

Preparazione:

Prendete 3 peperoni ognuno di colore diverso, lavateli, tagliateli a metà, privateli del picciolo, dei filamenti interni e dei semi e riduceteli a striscioline, quindi poneteli in uno scolapasta, salateli leggermente e lasciateli sgiocciolare per una mezz’ora circa.

Nel frattempo lessate le patate pelate in acqua bollente salata e scolatele al dente, cioè quando, pur non essendo ancora troppo morbide, riuscirete comunque a trapassarle senza troppa difficoltà con la lama di un coltello. 

Ponete l’uovo in un pentolino con dell’acqua fredda, mettetelo sul fuoco e fatelo cuocere per 10 minuti dal momento in cui l’acqua inizierà a bollire, quindi scolatelo e sgusciatelo.

Lavate le zucchine, pulitele e affettatene 4 a rondelline, mentre l’altra dovrete dividerla a metà per il lungo conservando il fiore attaccato, quindi disponete le zucchine su un piatto da portata assieme con le patate lesse affettate.

Strizzate quindi i peperoni che avevate posto a sgocciolare e uniteli alle zucchine e alle patate.

Guarnite il piatto con un pizzico di prezzemolo tritato e irrorate il tutto con un condimento preparato frullando assieme il tuorlo dell’uovo sodo, l’olio d’oliva, l’aceto, la senape e un pizzico di sale.

Storie nel piatto

In italiano quando ci si riferisce ad una persona dicendo che questa “è come il prezzemolo” ci si riferisce al fatto che la si incontra ovunque si vada ed è presente ovunque.

Questo particolare modo di dire deriva dal ruolo che il prezzemolo ha nella gastronomia italiana: questi, infatti, viene utilizzato in un gran numero di ricette per insaporirle ed esaltarle.

Curiosamente, però, un tempo questa erba non veniva utilizzata con intenti culinari: gli etruschi, ad esempio, ne ricavavano un unguento che presupponevano avesse doti miracolose, i greci ritenevano stimolasse l’appetito e per questo lo usavano come decorazione durante i banchetti, mentre i romani lo impiegavano addirittura per adornare le tombe, in quanto ritenevano fosse la pianta dell’araldo della morte.

Proprio per questo motivo in Italia il prezzemolo è stato praticamente ignorato a livello gastronomico: per lungo tempo, quindi, quest’erba aromatica godette di una fama piuttosto lugubre, fu infatti soltanto nel XIX secolo che si cominciò ad imporre il suo impiego in cucina.

Altre ricette consigliate