Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Chiacchiere

  • 31 ′
  • Bassa
  • Dolci e Frutta
Un dolce goloso e friabile consumato in tutta Italia durante il Carnevale.

Ingredienti:

  • 500 g di farina
  • 40 g di zucchero a velo
  • 2 uova
  • 45 g di burro
  • 1 dl di latte
  • un Cucchiaio di Grappa
  • un Pizzico di sale
  • 2,5 g di lievito in polvere per dolci
  • vanillina q.b.
  • olio per friggere q.b.
  • un Cucchiaio di zucchero a velo

Preparazione:

Disponete la farina sul piano di lavoro, praticate un foro al suo interno e versatevi tutti gli altri ingredienti aggiungendo il latte poco alla volta mentre iniziate ad impastare.

Lavorate il tutto con le mani o con un robot da cucina fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo, quindi avvolgetelo nella pellicola per alimenti e lasciatelo riposare per almeno 15 minuti.

Trascorso il tempo necessario, dividete la pasta in pezzi e stendetela con il matterello o con l’apposita macchina in modo da ottenere sfoglie dello spessore di 1 mm.

Da queste ricavate, con il coltello o con l’apposita rotella tagliapasta, dei ritagli di pasta romboidali o della forma che preferite.

Fate friggere le chiacchiere in olio bollente in modo che questo le ricopra totalmente e, dopo 30-60 secondi, scolatele con un mestolo forato e adagiatele su un piatto ricoperto di carta da cucina. 

Spolverizzate le chiacchiere con lo zucchero a velo e servitele subito o conservatele anche per diversi giorni.

Storie nel piatto

Il Carnevale, che nel calendario cristiano corrisponde al periodo che precede la Quaresima, è una festività che affonda le sue origini nei riti pagani dedicati al dio Saturno, padre di Giove.
Durante i saturnali che si svolgevano nel mese di Marzo, infatti, gli stregoni indossavano maschere per scacciare gli spiriti, venivano praticati sacrifici e riti orgiastici e i ruoli sociali venivano invertiti tanto che i padroni e gli schiavi si scambiavano i ruoli per l’intera durata della festività.
Con la diffusione del Cristianesimo le caratteristiche più sfrenate e paganeggianti delle celebrazioni si andarono perdendo e il Carnevale divenne sempre più la “festa dei folli” e l’occasione per consumare lauti pasti in vista del periodo di Quaresima.
È per questo, probabilmente, che i cibi più tipici di questo periodo sono ancora oggi i dolci e, in particolare, le chiacchiere.

Lo sapevate che...

in Italia le chiacchiere sono diffuse con una moltitudine di nomi diversi?
Tra questi vi sono: bugie, cenci, cioffe, crogetti, crostoli, frappe, galani, sfrappe, sfrappole, sprelle e molti altri.

Altre ricette consigliate