Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Struffoli

  • 35 ′
  • Bassa
  • Dolci e Frutta
Delle piccole palline fritte ricoperte di miele che stregheranno il vostro palato: sono gli struffoli, il dolce simbolo del Natale nella città di Napoli.

Ingredienti:

  • 600 g di farina
  • 75 g di burro
  • 50 g di zucchero semolato
  • 25 ml di latte
  • un Pizzico di sale
  • un Pizzico di lievito in polvere per dolci
  • 5 uova
  • un Cucchiaio di liquore a base di anice
  • 450 g di miele
  • 30 g di confettini colorati (diavolilli)
  • 60 g di buccia di arancia candita

Preparazione:

Mezz’ora prima di preparare gli struffoli, estraete il burro dal frigo e fatelo ammorbidire a temperatura ambiente.

Disponete la farina in una ciotola molto capiente o su un piano di lavoro, praticate un foro al centro e al suo interno ponetevi il burro, lo zucchero, il latte, il sale, il bicarbonato, le uova e il liquore d’anice.

Con una forchetta o con le mani, iniziate prima ad amalgamare tra loro gli ingredienti posti al centro della fontana e successivamente unitevi la farina poco per volta, impastando il tutto, fino ad ottenere un composto morbido ed uniforme.
Aggiungete eventualmente della farina o del latte se l’impasto dovesse risultare rispettivamente troppo soffice o troppo denso.

Una volta ottenuto un panetto omogeneo e della giusta consistenza, continuate ad impastarlo con le mani per 5 o 6 minuti, e, una volta pronto, lasciatelo riposare, coprendolo con una ciotola in modo che non prenda aria, per almeno 15 minuti.

Passato il tempo necessario, iniziate a preparare gli struffoli.

Dividete l’impasto e lavorate i pezzi di pasta con le mani, arrotolandoli fino ad ottenere dei sottili e lunghi cilindri dal diametro di circa 1 centimetro.
Ricavate gli struffoli tagliando in pezzetti da 1 centimetro i cilindri di pasta.

Friggete gli struffoli poco per volta immergendoli in una pentola piena d’olio bollente: scolateli con un mestolo forato non appena risulteranno dorati, solitamente dopo 5 o 10 secondi.
Adagiate le frittelline, una volta cotte, in un piatto coperto di fogli di carta da cucina: ripetete l’operazione fino alla cottura di tutti gli struffoli.

Preparate la glassatura facendo cuocere il miele in una pentola piuttosto capiente: appena inizierà a bollire, unitevi le bucce d’arancia candite e mescolate con un cucchiaio.

Lasciate cuocere il tutto per 1 o 2 minuti fino a quando il miele non risulterà spumoso.
Togliete la pentola dal fuoco e versatevi gli struffoli: mescolate delicatamente facendo attenzione a non intaccarli e disponeteli immediatamente su un piatto a raffreddare, decorandoli con gli zuccherini colorati (diavolilli).

Servite gli struffoli a temperatura ambiente.

Lo chef consiglia

Ricordate che per non modificarne la consistenza, le strisce d’impasto devono essere lavorate senza aggiungere farina.

Storie nel piatto

Il nome Struffoli è generalmente associato al termine greco strongulos che significa "di forma arrotondata”; questa etimologia viene fatta risalire al tempo della fondazione della città di Napoli, all'epoca Partenope, da parte di coloni greci.
Secondo la tradizione gli struffoli sono un dolce di buon auspicio, poiché è composto da tante piccole palline, simbolo dell’abbondanza.
Per secoli questi dolci sono stati cucinati dalle suore nei conventi e distribuiti alle famiglie nobili per Natale, come ringraziamento per gli atti di carità e le donazioni ricevute.

Altre ricette consigliate