Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Risotto alla parmigiana

  • 31 ′
  • Media
  • Primi piatti
L’autentico Parmigiano reggiano rende questo semplice risotto cremoso e dal gusto unico.

Ingredienti: Per 4 persone

  • 400 g di riso carnaroli
  • 1 cipolla tritata finemente
  • 50 g di burro
  • 60 g di Parmigiano Reggiano grattugiato
  • un litro di brodo di carne accuratamente sgrassato
  • un Bicchiere di vino bianco secco
  • sale q.b.

Preparazione:

Su un fuoco di media intensità ponete una padella con 20 grammi di burro e, quando quest’ultimo si sarà sciolto, aggiungete la cipolla tritata finemente. Quando risulterà ben dorata, aggiungete il riso e lasciatelo tostare per un paio di minuti fino a quando non risulterà trasparente. Versate quindi il vino bianco, mescolate e lasciate cuocere.

Quando il vino sarà evaporato, aggiungete il brodo poco alla volta e fate cuocere a fuoco basso per altri 15 minuti o comunque fino a quando il risotto non sarà pronto.

Togliete la padella dal fuoco, aggiustate di sale, aggiungete il rimanente burro e il Parmigiano Reggiano grattugiato e mescolate per bene fino a quando il risotto non risulterà cremoso, quindi servitelo immediatamente.

VIENI A SCOPRIRE LE SPECIALITÀ EMILIANE

Food Tour - Parma in Tavola Metti una settimana a Parma con gli Chef e gli esperti di Academia Barilla e avrai il meglio dei prodotti enogastronomici dell’Emilia, in una continua scoperta di sapori e aromi. Preparati a degustare il Prosciutto
di Parma, il Salame di Felino, la Spalla Cotta, le paste ripiene, l’Aceto Balsamico di Modena, i profumati vini locali: scopri questo tour e personalizzalo con noi.

Storie nel piatto

Il vino è uno degli ingredienti fondamentali della gastronomia italiana: non solo regna incontrastato tra le bevende che accompagnano i pasti, ma è anche un ingrediente importante di moltissime ricette nelle quali viene utilizzato per sfumare la carne o, per l’appunto, il riso.
L’importanza di questa bevanda alcolica, d’altronde, è testimoniata dalla sua appartenenza,insieme al pane e all’olio, della cosiddetta “triade mediterranea”. Questa è composta dagli alimenti che hanno maggiormente caratterizzato lo sviluppo delle antiche civiltà mediterranee, in special modo quella greca e quella romana.
Nonostante a dispetto delle numerose leggende sulla nascita del vino sia impossibile risalire con precisione al momento in cui un essere umano ebbe per primo l’idea di far fermentare del succo d’uva, vi sono numerose prove che testimoniano come più di cinquemila anni fa nell’odierna Georgia venisse praticata una vera e propria attività vinicola.
In Italia, invece, la pratica della coltivazione della pianta della vite venne introdotta da Fenici ed Etruschi, ma furono questi ultimi i primi ad avere per primi l’idea di utilizzare il vino come componente delle ricette: in particolare lo utilizzavano per marinare la carne, al fine di conservarla, o come base di cottura per aromatizzate gli altri alimenti, proprio come avviene ancora al giorno d’oggi nella preparazione del risotto.

Altre ricette consigliate