Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Tortelli di ricotta alla salvia

  • 1 h e 5 ′
  • Media
  • Primi piatti
Stuzzicanti e delicati, i tortelli di ricotta, in questa ricetta sono resi ancora più irresistibili da una salsa cremosa che ne esalta al meglio il gusto.

Ingredienti: Per 4 persone

  • 50 g di prezzemolo tritato
  • 50 g di Parmigiano Reggiano grattugiato
  • 200 g di ricotta
  • 1 uovo
  • noce moscata
  • sale
  • pepe bianco
  • 400 g di farina
  • 3 uova
  • mezzo Bicchiere di vino bianco secco
  • sale
  • 8 Foglie di salvia
  • 100 g di panna
  • 20 g di burro
  • 50 g di Parmigiano Reggiano grattugiato

Preparazione:

Preparate la farcitura dei vostri tortelli mescolando accuratamente con un cucchiaio di legno tutti gli ingredienti, una volta amalgamati per bene fateli riposare.

Preparate quindi la pasta amalgamando la farina con le uova, quindi aggiungetevi il vino bianco e il sale e lavorate l’impasto con le mani fino a quando non diventerà ben sodo ed elastico, quindi avvolgetelo in un canovaccio e fatelo riposare per una decina di minuti.

Preparate quindi i tortelli stendendo poco meno della metà della pasta con l’apposito strumento o con il matterello in modo da ottenere una sfoglia dello spessore di un paio di millimetri, quindi disponete sopra la sfoglia delle noci d’impasto di medie dimensioni distanti un paio di centimetri l’una dall’altra.
Stendete l’altra metà delle pasta e sovrapponete questa sfoglia a quella su cui avete disposto il ripieno. Fate aderire per bene con le dita la sfoglia superiore a quella inferiore, evitando che si formino all’interno dei tortelli delle bolle d’aria, quindi con l’apposita rotella zigrinata tagliate i vostri tortelli e lasciateli riposare qualche minuto.

Nel frattempo ponete una pentola con abbondante acqua salata sul fuoco e  contemporaneamente preparate la salsa per i vostri tortelli.
Rosolate in un tegame piuttosto grande il burro e la salvia, aggiungetevi la panna e fate cuocere a fuoco molto basso per 3 minuti circa.

Quando l’acqua bollirà versatevi con delicatezza i tortelli e fateli cuocere per 5 minuti.

Scolateli molto bene e versateli nella salsa appena preparata.

Saltateli in padella a fuoco medio aggiungendo il formaggio Parmigiano Reggiano, fino a quando i tortelli non avranno preso il condimento.

Suddivideteli in piatti individuali ben caldi e serviteli subito.

Storie nel piatto

I tortelli sono una delle tante varietà di pasta ripiena tipiche della tradizione gastronomica italiana.
Data la semplicità della loro forma è probabile che siano stati uno dei primi formati di pasta ripiena ad essere preparati, quel che è certo, comunque, è che i tortelli nacquero nel tardo Medio Evo.
La loro forma e il loro nome derivano probabilmente dalle torte ripiene che a quel tempo erano particolarmente apprezzate e diffuse. Il nome “tortello”, infatti, deriva dal termine “torta” e ne è la prova il fatto che quest’ultimo fosse utilizzato già nel IX secolo, mentre la parola “tortellus” compare per la prima volta nel 1112 in una pergamena francese.
La prima volta in cui il nome dei tortelli compare in un documento scritto italiano, è invece alla fine del XIII secolo nel testo di una sentenza di un processo ai danni di uno studente bolognese processato poiché si aggirava di notte per la città senza una lanterna. In questo testo si riporta che il giovane si giustificò dicendo che era uscito di casa di fretta per andare a comprare dei tortelli per sé e i suoi amici, il che dimostra che, probabilmente, già a quei tempi i tortelli erano una pietanza piuttosto diffusa nella città emiliana, sebbene non sia chiaro quale fosse il loro ripieno.
Per trovare una notizia certa riguardo a dei tortelli con un ripieno piuttosto simile a quello odierno, infatti, bisogna giungere al XIV secolo quando, in un libro emiliano, vengono proposti i “torteleti de enula”, ripieni di un impasto a base di formaggio, uova, spezie, maiale ed enula, un’erba officinale a cui un tempo si attribuivano prodigiose virtù quali quelle di mantenere il corpo giovane e di dare euforia.

Altre ricette consigliate