Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Tagliatelline con calamari e scampetti

  • 40 ′
  • Bassa
  • Primi piatti
In questa ricetta scampi e calamari danno vita ad un primo di pesce ricco e raffinato.

Ingredienti: Per 4 persone

  • 350 g di tagliatelline
  • ½ cipolla piccola
  • 2 Spicchi d'aglio
  • 200 g di passata di pomodoro
  • 1 dl di vino bianco secco
  • un Cucchiaio di prezzemolo tritato
  • 300 g di calamari
  • 300 g di scampi piccoli
  • 3 cl d'olio extravergine di oliva
  • sale

Preparazione:

Appassire a fuoco basso in olio poca cipolla tritata finemente e successivamente aggiungere l'aglio tritato fine senza farlo imbiondire.

Aggiungere i calamari a piccoli pezzi sino a raggiungere una media rosolatura con la perdita della loro acqua. Versare il vino bianco e farlo evaporare, unire la salsa di pomodoro diluita in poca acqua calda (alla fine il sugo deve presentare un colore rosato).

Per ultimo immettere gli scampetti che cuociono in 3 minuti.

Condire con questo sugo le tagliatelline cotte al dente e guarnire con prezzemolo tritato.

Storie nel piatto

Le tagliatelle sono il formato di pasta più famoso e tipico della città di Bologna. Non sorprende quindi che esistano diverse leggende che ne legano l’origine alla città emiliana.
Secondo la versione data dall’umorista Augusto Majani, le tagliatelle sarebbero state ispirate dalla bellezza di Lucrezia Borgia. Questi narra che, nel 1487, Giovanni II di Bentivoglio, a quel tempo signore di Bologna, chiese al suo cuoco personale, Mastro Zefirano, di organizzare una cena maestosa in onore di Lucrezia Borgia, che sarebbe stata ospite in città. La bella Lucrezia, infatti, era in viaggio diretta a Ferrara per andare a sposare il Duca Alfonso D’Este, e il Bentivoglio aveva intenzione di renderle onore.
Vista la richiesta, il cuoco si sbizzarrì e diede vita ad un banchetto memorabile, dove, tra piccioni, pernici e cibi di ogni tipo, spiccò un nuovo tipo di pasta. Questa venne ricavata tagliando le tradizionali lasagne e dando forma a lunghe strisce dorate, in onore dei biondi capelli della futura sposa e dando così vita alle celebri tagliatelle.

Altre ricette consigliate