Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Zuppa di castagne (Mach)

  • 1 h e 50 ′
  • Bassa
  • Primi piatti
Rustica e sostanziosa, una zuppa tipica del Nord Italia nella variante piemontese con l’aggiunta di latte, da provare anche fredda.

Ingredienti: Per 8 persone

  • 1 kg di castagne secche
  • un litro di latte
  • 6 Cucchiai di farina
  • sale

Preparazione:

Spezzettate nel mortaio 1 chilo di castagne secche, già pulite.

Fatele bollire in acqua per circa 1 ora sino ad ottenere una poltiglia densa. Aggiungetevi quindi 1 litro di latte crudo in cui precedentemente avrete stemperato 6 cucchiai di farina bianca.
Salate a piacere e lasciate bollire adagio ancora per 20 minuti circa, mescolando di tanto in tanto.

Questa minestra, tipicamente invernale, va servita calda o tiepida.
Il mach è ottimo però anche il giorno dopo, consumato freddo oppure fritto in un poco di burro.

STORIE NEL PIATTO

Che sia zuppa o minestra, quella di castagne è una pietanza tradizionale delle regioni di montagna.
In Piemonte si prepara con l’aggiunta di latte e farina, due ingredienti che fanno addensare il preparato a tal punto che, una volta raffreddato, è possibile addirittura friggerlo. Quando è così densa, la zuppa può essere anche servita e consumata su una fetta di pane abbrustolito, la cosiddetta suppa medioevale.
Le minestre di castagne, invece, sono generalmente più liquide e si consumano al cucchiaio.
La tradizione piemontese chiama la zuppa di castagne con un termine dialettale che ne sottolinea la semplicità e rusticità degli ingredienti: Mach, che significa "solo, solamente".

Altre ricette consigliate