Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Pollo fritto alla fiorentina

  • 35 ′
  • Media
  • Secondi piatti
La migliore ricetta per gustare un pollo fritto all’italiana croccante e saporito.

Ingredienti: Per 4 persone

  • 850 g di pollo
  • 3 dl d'Olio Extra Vergine d'Oliva Toscano IGP
  • succo di 1 limone
  • 30 g di prezzemolo
  • uno Spicchio d'aglio
  • un Rametto di rosmarino
  • 1 foglia di alloro
  • sale q.b.
  • pepe bianco q.b.
  • 3 uova
  • farina q.b.
  • olio per friggere q.b.

Preparazione:

Lavate e pulite accuratamente un pollo, asciugatelo e tagliatelo in 8 pezzi.
Preparate una marinata mescolando con una forchetta in una ciotola l’olio, il succo di limone, il prezzemolo e lo spicchio d’aglio schiacciati, il rosmarino e la foglia di lauro sbriciolati, il sale e il pepe bianco. Immergetevi i pezzi di pollo e fateveli marinare per un paio d’ore mescolando ogni tanto.

Nel frattempo mescolate assieme 3 uova e una quantità di farina sufficiente per preparare una pastella per friggere leggera e non molto densa.

Sgocciolate quindi i pezzi di pollo e immergeteli nella pastella. Cuocete i pezzi di pollo friggendoli immergendoli completamente in olio bollente e, una volta che saranno ben cotti e dorati, scolateli con una schiumarola e adagiateli su un piatto ricoperto di carta assorbente.
Insaporite il vostro pollo alla fiorentina con un pizzico di sale e guarnitelo con ciuffi di prezzemolo e fette di limone. Servite caldo.

VIENI A SCOPRIRE LA TOSCANA E I SUOI SAPORI

Food Tour Toscana Perché non gustare questa ricetta nella sua terra d'origine, preparata dalle mani esperte degli Chef Toscani?
Con Academia Barilla è semplice: prenota il tuo Food Tour in Toscana e preparati a godere di un’intensa esperienza enogastronomica, immerso nella dolcezza unica del paesaggio appenninico tosco-emiliano.

Storie nel piatto

Sebbene il pollo sia stato allevato per la prima volta nell’area del Sud Est asiatico quasi cinquemila anni fa, sembra che inizialmente fosse utilizzato soltanto come animale da combattimento e che sia stato apprezzato a livello gastronomico solo quando, intorno al VI secolo a.C., venne introdotto in Europa e, più precisamente, prima in Grecia e poi nei territori dell’Antica Roma. E fu in particolare qui che il pollo fu apprezzato, forse per la prima volta, come alimento. Ai tempi, infatti, i polli erano considerati una pietanza particolarmente pregiata e venivano serviti spesso e volentieri sulla tavola imperiale durante i lussuosi banchetti.
Meno fortuna dal punto di vista culinario ebbero questi volatili durante il Medioevo, quando gli vennero preferite dapprima quelle di animali di stazza maggiore e successivamente quelle di volatili più appariscenti quali pavoni e fagiani.
Fu solo intorno al XV secolo, infatti, che il pollo tornò ad occupare un posto di prestigio durante i banchetti: arrosto, bollito o ripieno, il pollo era uno dei cibi più presenti sulle tavole nobiliari.
Fino al XIX secolo, però, questi volatili rimasero privilegio quasi esclusivo dei cittadini più ricchi. È infatti nell’ottocento che la carne di pollo, grazie all’allevamento in batteria e alla conseguente diminuzione del suo prezzo di vendita, iniziò a diffondersi in tutte le classi sociali, divenendo in breve tempo una delle più diffuse.

Altre ricette consigliate