Insalata di gamberi

Un antipasto elegante e semplice da preparare che esalta il sapore delicato dei gamberi.
411 Views
 
Livello MASTERY
17 min
412 Views
 
Livello MASTERY
4 Persone
17 min
INGREDIENTI: per 4 persone
  • 28 code di gamberi
  • 2 Mazzetti di rucola
  • 200 g di Parmigiano Reggiano a scaglie
  • 3 limoni
  • 1 dl d’olio extravergine di oliva
  • sale e pepe
PREPARAZIONE:

Pulite e lavate accuratamente la rucola, quindi asciugatela e adagiatela su un piatto.

Lessate le code di gambero in acqua bollente per un paio di minuti, scolateli, fateli raffreddare, asciugateli, sgusciateli e adagiateli sul letto di rucola.

Spremete i limoni, versatene il succo in una ciotola, aggiungetevi l’olio extravergine d’oliva, il sale e il pepe ed emulsionate il tutto mescolando con una frusta.
Condite l’insalata di rucola e gamberi con questa salsina, guarnite il tutto con il Parmigiano Reggiano a scaglie e servite.

VIENI A GUSTARE IL Parmigiano Reggiano

Avete mai gustato il sapore inconfondibile di una forma di Parmigiano Reggiano appena aperta, o la fragranza di una scaglia accompagnata da Aceto Balsamico Tradizionale di Modena? Sono esperienze gastronomiche che solo nella culla del Parmigiano Reggiano sprigionano tutta la loro autenticità.
Academia Barilla vi porta a scoprire questi sapori con i suoi tour. Per saperne di più…

Storie nel piatto

Gamberi e crostacei in genere erano molto apprezzati già nella cucina dell’antica Roma tanto che, secondo le cronache del tempo, il famoso gastronomo Apicio ne era talmente goloso da intraprendere un lungo in viaggio in nave fino il Libia poiché era venuto a sapere che lungo le sue coste era possibile pescare dei crostacei di dimensioni straordinarie, per poi tornare indietro senza neanche mettere piede a terra una volta scoperta l’inconsistenza di quelle voci.
Ma i crostacei sono sempre stati largamente apprezzati e considerati pregiati nella storia della gastronomia: sia nel Medioevo, quando venivano considerati addirittura simbolo di resurrezione, che in età Moderna, tanto da essere metafora di alta gastronomia e buon gusto in diverse opere fiamminghe tra il XVI e il XVII secolo.
Ancora al giorno d’oggi, d’altronde, i crostacei sono considerati tra i cibi più prelibati ed esclusivi nonostante il loro consumo sia diventato accessibile a tutti.

Altre ricette consigliate

Antipasti
Vuoi essere aggiornato sulle novità del mondo gourmet?
Diventa anche tu un Master of pasta
Scopri di più