Peperoni ripieni alla siciliana

Una ricetta tipica della gastronomia italiana, arricchita da acciughe e capperi che le conferiscono tutto il sapore della Sicilia.
405 Views
 
Livello MASTERY
55 min
406 Views
 
Livello MASTERY
4 Persone
55 min
INGREDIENTI: per 4 persone
  • 4 peperoni
  • 240 g di pane grattugiato
  • 4 pomodori
  • 4 acciughe sotto sale
  • 2 Cucchiai di capperi
  • 50 g di Caciocavallo
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • basilico q.b.
  • sale e pepe q.b.
PREPARAZIONE:

Con la punta di un coltello, eliminate il picciolo e i semi di ogni peperone, quindi tagliatelo a metà facendo attenzione a mantenere integre le due parti così ottenute.

A parte, tostate lievemente il pangrattato in padella a fuoco medio senza farlo diventare scuro, insaporitelo poi fuori dal fuoco con sale, pepe e basilico in abbondanza. Unite al pane anche il caciocavallo grattugiato, i capperi, i pomodori e le acciughe a pezzetti. Mescolate il composto irrorandolo con un filo d’olio e farcite con questo ripieno i peperoni.

Disponete i peperoni in una teglia ben oleata, quindi cospargerteli ancora con un filo d’olio. Coprite la teglia con un foglio d’alluminio e collocatela in forno già caldo a 200° per 15 minuti.

A questo punto togliete il foglio di alluminio e proseguite la cottura in forno per 10 minuti, aggiungendo (se necessario) un ulteriore filo d’olio.

Servirli tiepidi o a temperatura ambiente.

Storie nel piatto

Originario anch’esso dell’America meridionale, pur non possedendone la piccantezza il peperone è un parente molto stretto del peperoncino.
Quando gli spagnoli giunsero nelle Americhe gli Aztechi ne coltivavano già decine di varietà diverse, per poi mangiarli crudi nel brodo, stufati ad accompagnare pesce o carne o, ancora, essiccati, per potersene cibare durante lunghi viaggi.
Importati nel vecchio mondo, i peperoni trovarono l’habitat perfetto per attecchire e prosperare, tanto che già alla fine del XVI secolo erano largamente conosciuti in quasi tutta l’Europa, e sebbene inizialmente in Italia vennero adoperati, come i pomodori, prevalentemente con scopi ornamentali, al contrario di questi vennero introdotti nella gastronomia locale in modo estremamente rapido.

Lo sapevate che…

“diventare rosso come un peperone” è un’espressione molto diffusa in italiano usata nei confronti di chi arrossisce per la vergogna?

Altre ricette consigliate

 

Contorni
Vuoi essere aggiornato sulle novità del mondo gourmet?
Diventa anche tu un Master of pasta
Scopri di più